• diogeneatavola

I mirtilli: piccoli ma preziosi

Aggiornato il: 7 mag 2019


Piccoli nelle loro dimensioni, ma "grandi" per le loro proprietà nutrizionali, i mirtilli sono rientrati a pieno titolo nella nostra alimentazione. Ne esistono due varietà, i mirtilli neri (blueberry) e i mirtilli rossi, con proprietà nutrizionali sovrapponibili. Nella famiglia dei mirtilli rossi si distinguono il cowberry (così chiamato perchè ne sono ghiotte anche le mucche) ed il cranberry, il più diffuso al mondo insieme ai mirtilli neri. I loro super poteri principali? L'azione antiossidante per l’intero organismo e i benefici per la circolazione.


Un aiuto per la circolazione

Grazie alla presenza degli antociani, i mirtilli favoriscono la circolazione venosa e in particolare il microcircolo riducendo la fragilità capillare. La ritenzione idrica, la cellulite, le vene varicose, le emorroidi e i disturbi oculari sono tutti attribuibili ad un mal funzionamento del microcircolo. Così come la pesantezza alle gambe, il gonfiore e il formicolio, soprattutto quando fa caldo. Dunque per prepararci alla stagione estiva e affrontare questi disturbi tipici stagionali è consigliabile ricorrere agli alleati mirtilli.


Antinfiammatori e antiossidanti

I mirtilli sono tra i frutti più ricchi di antiossidanti, soprattutto di flavonoidi (antociani, in particolare) che aiutano nella prevenzione dei tumori e nel contrastare i fenomeni legati all'invecchiamento. Rinforzano il sistema immunitario aiutandoci nella difesa da virus e, in particolare, i mirtilli rossi sono utili nella cura delle infezioni alle vie urinarie e in caso di cistiti. Agiscono come anti-infettivi impedendo ai batteri di aderire alle pareti della vescica e quindi di proliferare. Anche questa importante funzione è svolta dai flavonoidi


La curiosità? Più memoria con i mirtilli

Secondo molte ricerche i mirtilli fanno bene al cervello, in particolare aiutano la memoria e migliorano la capacità di concentrazione. Consumandoli regolarmente si registrerebbero un aumento dell’attività cerebrale, un miglioramento delle funzioni cognitive ed un rallentamento del decadimento cerebrale nelle donne anziane (studio pubblicato su Annals of Neurology nel 2012). Dunque la popolazione della tarda età (ma non solo!) ha un motivo in più per consumare i piccoli ma preziosi mirtilli.
40 visualizzazioni

Sede legale

Via Saint Vincent n.4

00135 Roma

diogeneatavola@gmail.com

Diogene a Tavola
blog nutrizionale a cura del
Prof.  Luca Piretta
con la collaborazione della
Dott.  Annalisa Pepicelli

Social Media:

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon

© 2019 by Nutrisalute Srls